Da Messina ad Aragon e ritorno. Stretto in Carena è già il futuro

Nel luglio scorso hanno gareggiato nello storico circuito di Aragon in Spagna, vincendo il premio per i miglior team esordiente 2021 (Best rookie 2021). Sono i ragazzi di Stretto in Carena, che da oggi fino al 16 dicembre saranno impegnati nella seconda edizione del workshop da loro organizzato (la prima risale al 2018), dedicato all’automotive, al motorsport ma anche alla mobilità sostenibile, alla propulsione ibrida ed elettrica. Un evento patrocinato, fra gli altri, dalla Fondazione di Comunità di Messina nella sua funzione di supporto e sostegno alla sperimentazione, alla ricerca, all’innovazione tecnologica e all’imprenditoria giovanile.

Stretto in Carena è il team ufficiale dell’Università degli Studi di Messina che partecipa,  unico team del Sud Italia,  alla competizione internazionale Motostudent, una sfida fra squadra costituita da studenti universitari. Obiettivo finale è applicare tutte le conoscenze maturate nel proprio corso di laurea in un vero e proprio progetto industriale, ideando, sviluppando e realizzando un prototipo di moto da corsa che viene appunto valutato nel circuito di Aragon in Spagna. Motostudent offre la possibilità di dimostrare le proprie capacità ingegneristiche,  oltre a creatività e capacità imprenditoriali. I prototipi vengono sottoposti a prove tecniche per garantire i requisiti minimi di accelerazione e frenata al fine di determinarne sicurezza e funzionalità. Una sfida che non è solo basata sull’inegneria ma anche sulla capacità di fare business.

Il team di Studenti in Carena

Dal febbraio 2018, anno in cui è cominciato il lavoro di gruppo, la squadra di Studenti in Carena ha preso forma e, ottenendo l’approvazione dell’Università di Messina, ha manifestato la volontà di prendere parte al Campionato Motostudent.

Per raggiungere l’obiettivo e per progettare, produrre, sviluppare e testare un prototipo di motoveicolo da gara 250 cc, 4 tempi e monocilindrico, la squadra si è suddivisa in sottogruppi di lavoro, ciascuno con un proprio supervisore: aerodinamica, dinamica, elettronica, struttura, motore, it, settore commerciale, amministrazione, gestione finanziaria e comunicazione. Dunque, la composizione della squadra non ha coinvolto solo futuri ingegneri, ma diversi Dipartimenti e CdL dell’Atene, inclusi Economia e Commercio e Giornalismo.

Il team ha partecipato alla competizione per la prima volta a luglio 2021, classificandosi quinto su 37 partecipanti. Primo in assoluto nei test di accelerazione e primo nella classifica debuttanti.

Alla luce di questi risultati, il nuovo obiettivo di Studenti in Carena è prendere parte alla prossima edizione della Motostudent, prevista per il 2023, per confermare di poter competere ad alti livelli con le altre Università dell’Italia e del mondo.

Per info sul workshop:

https://www.eventbrite.it/e/biglietti-studenti-in-carena-219827599267

News

28 Novembre 2022

AVVISO per la SELEZIONE di un fornitore per un sistema di estrusione

La Fondazione di Comunità di Messina, in qualità di partner del progetto LIFE – RESTART (LIFE21-ENV-IT-LIFE RESTART, numero 101074314), cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma LIFE, ospita su questa pagina l’avviso

19 Ottobre 2022

Proseguono le attività del progetto GRAPE. A Sifnos la seconda missione

Si è svolta a Sifnos, una piccola isola dell’arcipelago delle Cicladi, la seconda missione del progetto europeo GRAPE, Local Social Green Resilience Action Plans for small and peripheral territories, cofinanziato

11 Ottobre 2022

L’Horcynus Festival 22 premia l’imprenditrice agricola e designer green Ilaria Venturini Fendi

Nel corso della sessione autunnale di “Orizzonti – Transizione ecologica e nuove generazioni”, XX edizione dell’Horcynus Festival, venerdì 14 ottobre sarà ospite al Parco Horcynus Orca la designer green Ilaria

6 Ottobre 2022

Witness a Messina: giovani idee per raccontare la fantaeconomia

Interrogarsi e immaginare, attraverso il potere creativo della letteratura, nuovi modelli economici quali alternative plausibili al capitalismo. Con l’idea di portare il pensiero economico non allineato oltre i saggi e gli articoli accademici,