Il Premio UBU Marco Cavalcoli protagonista dell’Horcynus Festival

Il Premio UBU Marco Cavalcoli protagonista dell’Horcynus Festival

La lettura teatrale del Premio UBU 2022 Marco Cavalcoli di “Tomorrow’s Parties”, tratta da uno spettacolo di Forced Entertainment, è fra i momenti più attesi della XXI edizione dell’Horcynus Festival.

La performance è in programma martedì 25 luglio alle 21.15 al Parco Horcynus Orca di Capo Peloro e vedrà in scena, insieme a Cavalcoli, l’attrice Caterina Simonelli.

“Tomorrow’s Parties”, che ha la regia di Tim Etchells, è uno sguardo brillante, commovente e visionario, sul futuro. Una donna e un uomo, in uno spazio incorniciato solo da un festone di lampadine colorate, giocano ad avanzare ipotesi, dalle più verosimili alle più paradossali, sul futuro che attende il genere umano.

Il meccanismo, per quanto semplicissimo, scatena ben presto un fuoco d’artificio di lucida, disincantata, intima, profonda, e a tratti amara, introspezione. Visioni utopiche e distopiche, scenari fantascientifici, incubi politici e fantasie assurde, che finiscono, a poco a poco, per disegnare un affresco straordinariamente ricco e preciso delle speranze e delle paure della nostra epoca”, spiega il premio UBU Cavalcoli.

Nel corso della serata di martedì sarà anche consegnato il Premio Horcynus Orca 2023 Luca Fois, co-direttore del master in Design for Kids&Toys del Politecnico di Milano. Fois da tempo collabora con la Fondazione MeSSInA coordinando un “Collettivo Creativo” impegnato nell’immaginare giochi prodotti con nuovi materiali, in particolare bioplastiche non inquinanti create nell’ex polo artigianale di Roccavaldina, riconvertito dalla Fondazione in polo di ricerca e sviluppo.

Mercoledì 26 luglio alle 22.00, è in programma un altro importante appuntamento: il concerto di Stefano “Cisco” Bellottico-fondatore dei Modena City Ramblers, che presenterà i brani del suo ultimo lavoro discografico, “Indiani e cowboy”. Saranno anche riproposti al pubblico dell’Horcynus Festival i grandi successi dello storico collettivo musicale.

Intanto prosegue la selezione di “Vedere la Musica”, che rappresenta la novità assoluta di quest’anno: un concorso nazionale di videoclip musicali che dialoga con il linguaggio principale del Festival, che è l’audiovisivo. Una iniziativa unica del genere in Sicilia, che si avvale della presidenza della giuria di Carlo Massarini, storico presentatore e innovatore della RAI, affiancato da Christian Bisceglia, Maurizio Gugliotta e Carmelo Guglielmino.

Su oltre 40 lavori provenienti da tutta Italia, sono stati scelti i 5 finalisti, che sono: Babele, Aurora D’Amico, Adriano Modica, Novo e Yaraka. Nella serata di giovedì 3 agosto sarà annunciato l’artista vincitore di “Vedere la Musica”.

News

27 Maggio 2024

Dall’esperienza del progetto ArPA nasce il libro “Rigenerare il territorio”. Domani la presentazione

Martedì 28 maggio alle ore 16.30 verrà presentato il libro “Rigenerare il territorio. Un progetto di ricerca partecipativa a Messina” (Carocci editore, 2024) presso la biblioteca sociale “Stefano D’Arrigo” all’interno

23 Maggio 2024

Horcynus Summer School 2024: 14 borse di studio per universitari e laureati. Iscrizioni entro il 21 giugno. QUI il BANDO

Dopo le positive esperienze delle precedenti edizioni – dal 2015 al 2017 –  e valutati i significativi riscontri sugli esiti formativi e professionali torna, per il 2024, l’Horcynus Summer School,

15 Maggio 2024

A Mirabella Imbaccari va in scena la Street Art. Ispirata al Pizzo a Tombolo

Venerdì 17 maggio alle 13.00 a Mirabella Imbaccari  sarà inaugurata l’opera di Street Art che la nota artista polacca NeSpoon ha realizzato in questi giorni in Piazzetta dello Speziale ispirandosi al pizzo a tombolo, lavorazione tradizionale di quest’area

10 Maggio 2024

Con SOFIGREEN un percorso di Capacity Building per le imprese dell’economia sociale. QUI il BANDO per partecipare alla selezione

  Scarica qui la brochure informativa   La transizione ecologica può offrire nuove e molteplici opportunità a imprenditori e imprese. Il Green Deal europeo punta infatti a rendere l’UE climaticamente