La Fondazione di Comunità di Messina vince per la valutazione di Capacity il premio “Impatto” del Salone della CSR e dell’Innovazione sociale di Milano

La Fondazione di Comunità di Messina vince per la valutazione di Capacity il premio “Impatto” del Salone della CSR e dell’Innovazione sociale di Milano

Ieri la Fondazione di Comunità di Messina ha ricevuto per la valutazione di Capacity il premio “Impatto” del Salone della CSR e dell’innovazione sociale di Milano, il Salone più importante in Italia sui temi della responsabilità sociale e della sostenibilità.

La Giuria ha individuato la Fondazione di Comunità fra i tre vincitori della sezione non profit.

Il premio “Impatto” è alla sua prima edizione e ha l’obiettivo di portare l’attenzione sull’importanza di misurare e valutare l’impatto generato da progetti che intendono contribuire al percorso verso lo sviluppo sostenibile. Con questo premio, il Salone della CSR e dell’innovazione sociale valorizza le realtà profit e non profit capaci di misurare il valore economico, sociale e ambientale creato da progetti e iniziative di sostenibilità ma anche sottolineare la necessità di comunicare i risultati ottenuti e di condividerli con gli stakeholder.

Capacity è un programma di rigenerazione urbana e sociale della città di Messina finanziato dal Programma Straordinario di Riqualificazione e Sicurezza delle Periferie Urbane della Presidenza del Consiglio dei Ministri e messo in campo dal Comune di Messina (capofila e cofinanziatore), dalla Fondazione di Comunità di Messina (co-ideatore, partner strategico, tecnico e cofinanziatore) e da un’ampia rete di partner fra cui la Cooperativa EcosMed, l’Università degli Studi di Messina, il Microcredito per l’Economia Civile e di Comunione (MECC), REVES (Rete europea delle Città e delle Regioni per l’Economia Sociale), la Cooperativa Lilium e le Associazioni Lavoroperazione e Hic et Nunc.

A Messina, Capacity ha permesso di liberare dalle baraccopoli l’area di Fondo Saccà e di Fondo Fucile, restituendo dignità e diritti alle circa 650 persone che vivevano in una situazione di degrado estremo, in condizioni insalubri fra amianto e cemento.

Tutte le persone (205 famiglie) che abitavano nelle due baraccopoli sono andate a vivere in una casa scelta. Sessantasei nuclei familiari hanno potuto acquistarne una grazie allo strumento del Capitale Personale di Capacitazione (CPC) e l’accesso agevolato al credito. A 139 nuclei è stata assegnata un’abitazione con case acquistate sul libero mercato da parte del Comune.

Ma non solo. Oltre al diritto all’abitare, Capacity ha attivato una filiera integrata di interventi per generare opportunità sul diritto al lavoro, alla conoscenza e alla socialità.

La politica multidimensionale adottata ha mirato dunque alla generazione di alternative sugli aspetti più importanti della vita degli abitanti e all’espansione delle loro libertà sostanziali di scelta, rispettando allo stesso tempo criteri di sostenibilità ambientale. E lo ha fatto con progetti insieme personalizzati e comunitari per facilitare la possibilità che persone caratterizzate da uno stato di forte deprivazione materiale e culturale potessero cogliere e valorizzare le nuove opportunità per ripensare e ricostruire la propria vita e quella delle proprie famiglie.

Particolare cura hanno avuto i nuclei familiari con bambini piccoli a carico. Il progetto ha infatti previsto servizi di tutela e valorizzazione della prima infanzia e di contrasto alla povertà educativa cofinanziati in pool con la Fondazione di Comunità dall’Impresa Sociale con i bambini.

La motivazione del premio

La Fondazione di Comunità di Messina ha realizzato la valutazione del progetto Capacity, iniziativa volta a promuovere processi di rigenerazione urbana nella parte sud est della città di Messina e parallelamente alla creazione di nuove opportunità in diverse sfere dell’agire umano incluso l’abitare, il lavoro, la socialità. La metodologia di valutazione utilizzata risulta essere particolarmente robusta, sia nel disegno, attraverso il ricorso alla theory based evaluation, che nella raccolta e gestione dei dati.  In tal senso, la valutazione ha messo in campo un processo di coinvolgimento degli stakeholder, da una parte attraverso metodi qualitativi con interviste semi-strutturate, dall’altra procedendo alla somministrazione di questionari pre-post test. Particolarmente interessante risulta essere l’apparato conclusivo, con le principali sfide e gli apprendimenti scaturiti dal percorso valutativo. La valutazione, inoltre, presenta un ricco apparato comprendente gli strumenti utilizzati e le analisi statistiche.

News

28 Novembre 2022

AVVISO per la SELEZIONE di un fornitore per un sistema di estrusione

La Fondazione di Comunità di Messina, in qualità di partner del progetto LIFE – RESTART (LIFE21-ENV-IT-LIFE RESTART, numero 101074314), cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma LIFE, ospita su questa pagina l’avviso

19 Ottobre 2022

Proseguono le attività del progetto GRAPE. A Sifnos la seconda missione

Si è svolta a Sifnos, una piccola isola dell’arcipelago delle Cicladi, la seconda missione del progetto europeo GRAPE, Local Social Green Resilience Action Plans for small and peripheral territories, cofinanziato

11 Ottobre 2022

L’Horcynus Festival 22 premia l’imprenditrice agricola e designer green Ilaria Venturini Fendi

Nel corso della sessione autunnale di “Orizzonti – Transizione ecologica e nuove generazioni”, XX edizione dell’Horcynus Festival, venerdì 14 ottobre sarà ospite al Parco Horcynus Orca la designer green Ilaria

6 Ottobre 2022

Witness a Messina: giovani idee per raccontare la fantaeconomia

Interrogarsi e immaginare, attraverso il potere creativo della letteratura, nuovi modelli economici quali alternative plausibili al capitalismo. Con l’idea di portare il pensiero economico non allineato oltre i saggi e gli articoli accademici,