La Fondazione di Comunità di Messina vince per la valutazione di Capacity il premio “Impatto” del Salone della CSR e dell’Innovazione sociale di Milano

La Fondazione di Comunità di Messina vince per la valutazione di Capacity il premio “Impatto” del Salone della CSR e dell’Innovazione sociale di Milano

Ieri la Fondazione di Comunità di Messina ha ricevuto per la valutazione di Capacity il premio “Impatto” del Salone della CSR e dell’innovazione sociale di Milano, il Salone più importante in Italia sui temi della responsabilità sociale e della sostenibilità.

La Giuria ha individuato la Fondazione di Comunità fra i tre vincitori della sezione non profit.

Il premio “Impatto” è alla sua prima edizione e ha l’obiettivo di portare l’attenzione sull’importanza di misurare e valutare l’impatto generato da progetti che intendono contribuire al percorso verso lo sviluppo sostenibile. Con questo premio, il Salone della CSR e dell’innovazione sociale valorizza le realtà profit e non profit capaci di misurare il valore economico, sociale e ambientale creato da progetti e iniziative di sostenibilità ma anche sottolineare la necessità di comunicare i risultati ottenuti e di condividerli con gli stakeholder.

Capacity è un programma di rigenerazione urbana e sociale della città di Messina finanziato dal Programma Straordinario di Riqualificazione e Sicurezza delle Periferie Urbane della Presidenza del Consiglio dei Ministri e messo in campo dal Comune di Messina (capofila e cofinanziatore), dalla Fondazione di Comunità di Messina (co-ideatore, partner strategico, tecnico e cofinanziatore) e da un’ampia rete di partner fra cui la Cooperativa EcosMed, l’Università degli Studi di Messina, il Microcredito per l’Economia Civile e di Comunione (MECC), REVES (Rete europea delle Città e delle Regioni per l’Economia Sociale), la Cooperativa Lilium e le Associazioni Lavoroperazione e Hic et Nunc.

A Messina, Capacity ha permesso di liberare dalle baraccopoli l’area di Fondo Saccà e di Fondo Fucile, restituendo dignità e diritti alle circa 650 persone che vivevano in una situazione di degrado estremo, in condizioni insalubri fra amianto e cemento.

Tutte le persone (205 famiglie) che abitavano nelle due baraccopoli sono andate a vivere in una casa scelta. Sessantasei nuclei familiari hanno potuto acquistarne una grazie allo strumento del Capitale Personale di Capacitazione (CPC) e l’accesso agevolato al credito. A 139 nuclei è stata assegnata un’abitazione con case acquistate sul libero mercato da parte del Comune.

Ma non solo. Oltre al diritto all’abitare, Capacity ha attivato una filiera integrata di interventi per generare opportunità sul diritto al lavoro, alla conoscenza e alla socialità.

La politica multidimensionale adottata ha mirato dunque alla generazione di alternative sugli aspetti più importanti della vita degli abitanti e all’espansione delle loro libertà sostanziali di scelta, rispettando allo stesso tempo criteri di sostenibilità ambientale. E lo ha fatto con progetti insieme personalizzati e comunitari per facilitare la possibilità che persone caratterizzate da uno stato di forte deprivazione materiale e culturale potessero cogliere e valorizzare le nuove opportunità per ripensare e ricostruire la propria vita e quella delle proprie famiglie.

Particolare cura hanno avuto i nuclei familiari con bambini piccoli a carico. Il progetto ha infatti previsto servizi di tutela e valorizzazione della prima infanzia e di contrasto alla povertà educativa cofinanziati in pool con la Fondazione di Comunità dall’Impresa Sociale con i bambini.

La motivazione del premio

La Fondazione di Comunità di Messina ha realizzato la valutazione del progetto Capacity, iniziativa volta a promuovere processi di rigenerazione urbana nella parte sud est della città di Messina e parallelamente alla creazione di nuove opportunità in diverse sfere dell’agire umano incluso l’abitare, il lavoro, la socialità. La metodologia di valutazione utilizzata risulta essere particolarmente robusta, sia nel disegno, attraverso il ricorso alla theory based evaluation, che nella raccolta e gestione dei dati.  In tal senso, la valutazione ha messo in campo un processo di coinvolgimento degli stakeholder, da una parte attraverso metodi qualitativi con interviste semi-strutturate, dall’altra procedendo alla somministrazione di questionari pre-post test. Particolarmente interessante risulta essere l’apparato conclusivo, con le principali sfide e gli apprendimenti scaturiti dal percorso valutativo. La valutazione, inoltre, presenta un ricco apparato comprendente gli strumenti utilizzati e le analisi statistiche.

News

27 Gennaio 2024

SILVIA – Sistema Integrato per il Lavoro Vero con Intelligenza Artificiale

La Fondazione MeSSInA insieme al Dipartimento MIFT dell’Università di Messina, alla cooperativa sociale Ecos-Med e alla Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap con il coinvolgimento di IDS&Unitelm in joint venture

26 Gennaio 2024

Una delegazione del Consiglio Nazionale di Assifero ricevuta dal Presidente della Repubblica. C’eravamo anche noi

Una delegazione di Assifero, l’Associazione italiana delle Fondazioni e degli Enti Filantropici, guidata dalla Presidente Stefania Mancini e composta da rappresentanti del proprio Consiglio Nazionale, è stata ricevuta oggi al

6 Gennaio 2024

Quanta strada abbiamo fatto insieme, Giulio… Fai buon viaggio

Ci è stato a fianco da subito, con la sua intelligenza, la sua sensibilità e la sua umanità. Con la Fondazione MeSSInA ha co-ideato il progetto “Luce è Libertà”, che

31 Dicembre 2023

Il 4 gennaio a Novara di Sicilia partono le riprese della Cenerentola di Franco Jannuzzi. Se avete voglia di stare dentro un film, ci vediamo alle 18.30

Cenerentola, una delle favole più celebrate di tutti i tempi, alcuni splendidi borghi siciliani con le loro preziose tradizioni, il fascino delle marionette e… Rossini. Sono questi gli ingredienti principali