Energia green. Ed equa. Le Comunità energetiche solidali a Fondo Saccà, Mirabella Imbaccari e Salina

Energia green. Ed equa. Le Comunità energetiche solidali a Fondo Saccà, Mirabella Imbaccari e Salina

La transizione verso modelli di produzione e consumo dell’energia sostenibili è urgente e necessaria per contrastare il cambiamento climatico, diseguaglianze, iniquità sociale e povertà energetica. E fornire energia rinnovabile fuori dalle logiche del profitto economico, valorizzando il senso di appartenenza a una comunità in cui ognuno fa la sua parte per il bene collettivo rappresenta un importante cambio di paradigma.

E’ anche per questo che nel dicembre scorso, la Fondazione di Comunità di Messina ha promosso a Maregrosso la costituzione dell’Associazione Comunità Energetica di Fondo Sacca’ – E.T.S, esito finale di un più ampio programma di riqualificazione delle periferie urbane, Capacity, che ha visto il Comune di Messina e la Fondazione lavorare in sinergia per “liberare” l’area dove sorgeva la baraccopoli. Al suo posto, oggi, tre edifici (che inglobano 7 unità abitative) costruiti secondo le più avanzate tecniche di bioedilizia e dotati di soluzioni innovative per la produzione e gestione dell’energia da fonti rinnovabili.  In alcuni di essi hanno sede i centri socio-educativi “Il Melograno” e “Il Melarancio”, spazi dedicati alle famiglie con bambini piccoli a carico e finalizzati alla valorizzazione della prima infanzia e al contrasto della povertà educativa.

Oltre alla Fondazione, fra i soci dell’Associazione Comunità Energetica di Fondo Saccà, tre ex-internati dell’OPG di Barcellona Pozzo di Gotto, inseriti in un processo di reinserimento sociale e lavorativo grazie al progetto Luce è Libertà, che andranno ad abitare ciascuno in una unità abitativa. Il trasferimento nei nuovi alloggi è previsto entro la fine dell’anno. A partire da gennaio 2022 saranno operativi gli impianti solari per la produzione di energia elettrica e termica.

Oltre l’innovazione tecnologica, a rendere peculiare il modello sviluppato a Fondo Saccà è il meccanismo di stoccaggio e mutualizzazione dell’energia prodotta sviluppato da Solidarity and Energy SpA Impresa Sociale e dal C.N.R. – ITAE di Messina.

La mutualizzazione si basa su algoritmi sociali che redistribuiscono l’energia e i benefici economici secondo criteri che guardano ai bisogni degli stessi componenti della comunità, contemperandone necessità ed esigenze.

Così l’energia verrà redistribuita in funzione della capacità economica e di reddito ma anche dello stato di salute nel caso, ad esempio, siano necessarie apparecchiature medico-terapeutiche alimentate elettricamente.

L’algoritmo permette di impostare i parametri di calcolo delle tariffe in base ai consumi e ai ricavi potenziali attesi per la valorizzazione dell’energia prodotta. A partire da questi parametri – definiti in partenza dall’assemblea dei soci – e dai dati dei misuratori, sarà possibile modulare costi e contributi a favore delle persone più fragili.

Inoltre il sistema è in grado di controllare i carichi di potenza in situazioni date, anche queste definite in partenza, per evitare sovraccarichi tali da determinare l’interruzione di corrente. In tal modo è in grado di ridurre l’erogazione di corrente elettrica ritenuta superflua per poter favorire situazioni di prioritaria necessità di tipo sociale, economica o di salute.

Grazie poi al programma NESOI – acronimo di New Energy Solutions Optimised for Islands –  che finanzia progetti di transizione energetica nelle isole dell’Europa nell’ambito del programma europeo HORIZON 2020, la Fondazione di Comunità di Messina replicherà l’iniziativa in ulteriori tre contesti territoriali che diventeranno, a loro volta, nuclei di una Comunità Energetica Solidale.

Una sorgerà a Mirabella Imbaccari, in provincia di Catania, ed avrà come hub centrale il “Parco dei Saperi” di Palazzo Biscari. Le altre saranno sull’isola di Salina: a Santa Marina e Malfa.

NESOI finanzierà il supporto tecnico alla finalizzazione dello schema tecnico di funzionamento e del modello economico-finanziario delle comunità energetiche solidali, a partire dalla “Comunità energetica (CE) Fondo Saccà”. Garantirà inoltre il supporto alla definizione delle procedure di partenariato pubblico-privato da parte delle autorità pubbliche per la promozione di nuove di Comunità Energetiche Solidali.

Infine, grazie alla collaborazione fra il CNR – ITAE di Messina e Solidarity and Energy SpA Impresa Sociale, la CE di Fondo Saccà diverrà, nel 2022, sito dimostratore per testare il funzionamento di un sistema sperimentale di accumulo ibrido (litio-titanato + flusso redox organico acquoso) alla ricerca di nuove modalità di stoccaggio dell’energia più convenienti e più sostenibili. Tale progetto, Hybris, è frutto di una partnership internazionale con una dozzina di centri di ricerca europei e viene finanziato dal programma HORIZON2020.
Per maggiori informazioni sul progetto Hybris: https://hybris-project.eu

News

26 Aprile 2022

F20 a Messina con la Fondazione di Comunità per contrastare il cambiamento climatico

Il network internazionale, di cui la Fondazione messinese è partner, ha presentato le proprie strategie di intervento questa mattina in un incontro a Forte Petrazza. “Le nostre azioni non possono essere

25 Marzo 2022

Mirabella Imbaccari, i prossimi appuntamenti al Parco dei Saperi

Al via da oggi, venerdì 25 marzo a Mirabella Imbaccari, un ciclo incontri di formazione che si rivolge a educatori e docenti referenti di tutte le scuole dell’area calatina sull’infrastrutturazione

21 Marzo 2022

Sinergie culturali all’Horcynus Festival: la Fondazione Horcynus Orca premiata dal Re di Spagna con l’Orden del Mérito Civil

Uno straordinario riconoscimento per la Fondazione Horcynus Orca. Per il ruolo che ha avuto, negli ultimi anni, nella promozione della cultura spagnola, il Re di Spagna Felipe VI ha riconosciuto

24 Febbraio 2022

La Fondazione di Comunità di Messina seleziona un potenziale fornitore di servizi amministrativi

La Fondazione di Comunità di Messina è ente capofila della partnership che ha candidato, nell’ambito della call europea LIFE-2021-SAP-ENV-ENVIRONMENT, il progetto “LIFE RESTART”, che prevede un budget a disposizione della